Lettera da una paziente: “Sarò una brava mamma?”

Con questo articolo vorrei sintetizzarvi una mail ricevuta qualche giorno fa da una mia cara paziente:

“Siamo agli sgoccioli Dottoressa, io e Tommaso, mio prezioso compagno di vita da cinque anni, abbiamo preparato la valigia per l’ospedale, la cameretta per Matilde, i primi vestitini ed il suo primo peluche nella culla, un coniglietto grigio, morbido con orecchie lunghissime e vivacissimi occhietti, pronto ad accompagnare notti e giorni della mia creatura.

Abbiamo fatto tutto quello che ci hanno consigliato al corso preparto, immaginando che questo essere pronta con oggetti, mi avrebbe aiutata a stemperare le preoccupazioni e le incertezze nelle ultimissime settimane di attesa.

Ma non è così!

Più si avvicina la data presunta del parto (10 ottobre), più le notti sono disturbate.

Il pancione, il mal di schiena e l’acidità di stomaco, non aiutano.

Non è tutto qui.

I quesiti mi avvolgono giorno dopo giorno: sarò una brava mamma? Riuscirò ad allattare? Cambierà qualcosa con il mio partner? E nel mio lavoro? Speriamo nasca sano!

Rispondo da tecnico ma anche da mamma di due ragazzi adolescenti.

Genitori si diventa giorno dopo giorno fin dal primo incontro con quell’esserino che ha bisogno di tutte le nostre attenzioni e cure. Ascoltare ed accogliere i propri dubbi, paure, perplessità e timori senza l’urgenza di trovare una risposta è la strada giusta.

Dirsi: “Non lo so”, “Aspettiamo”, “Vediamo”, fa bene e ci aiuta. Accogliere nella nostra vita la figura dell’ostetrica, dalla gravidanza, alla sala parto, fino ai primi giorni di vita del bambino, vi risulterà un grande aiuto per dissolvere molti dubbi.

L’ostetrica è un riferimento importante per ciascuna madre, pronta ad accogliere le vostre parole e ad ascoltare le vostre emozioni, con rispetto e professionalità.

Spero abbiate incontrato un’ostetrica che abbia saputo guidarvi al meglio.

 Dott.ssa Laura Coda

Dott.ssa Laura Coda

Esperta in rieducazione del pavimento pelvico, vulvodinia, vestibolite e idrocolonterapia.

Post correlati