Sessualità e menopausa

“Buongiorno Dottoressa, ho 58 anni, da tre sono in menopausa e da circa un anno soffro di dolore durante la penetrazione. Mi sembra di avere un restringimento vaginale, come una “barriera”, un muro che non permette, in alcuni momenti, la penetrazione.

Cosa mi consiglia di fare?”

 

Questo è il messaggio che ho ricevuto da una donna che ha richiesto il mio aiuto; di seguito la mia risposta approfondita e dettagliata.

 

In menopausa la vagina va incontro a naturali trasformazioni dovute alla carenza degli estrogeni, ormoni femminili nostri alleati durante l’età fertile.

Si riduce l’elasticità vaginale, si rallenta la produzione del naturale lubrificante durante l’eccitamento sessuale e la mucosa esterna (della vulva) ed interna (della vagina), diventa più sottile, quindi, durante il coito, è più facilmente esposta ad irritazioni e infiammazioni che, a lungo andare, creano dolore e/o bruciore durante l’atto sessuale.

 

Se l’infiammazione della porta d’ingresso alla vagina, ovvero il vestibolo vulvare, si protrae nel tempo, comporta un restringimento della muscolatura che circonda la vagina stessa creando una sorta di “laccio” che procura la sensazione di barriera (ipertono del pavimento pelvico).

 

Ci sono piccoli trucchi che migliorano la condizione locale della nostra vagina:

  1. Alimentarsi in modo corretto ed equilibrato, cercando di ridurre l’assunzione di cibi che possono infiammare le mucose ed alterare il ph vulvovaginale, come zuccheri raffinati, dolci, cibi lievitati, bevande gassate, latticini e derivati assunti quotidianamente.
  2. Aiutarsi con un a gel a base acquosa durante il rapporto sessuale. Lo si può trovare in farmacia o in erboristeria.
  3. Farsi valutare il pavimento pelvico ed iniziare sedute di rieducazione del muscolo che risulteranno essere molto utili e consentiranno in modo indolore e sicuro di ristabilire un normale tono. Parliamo di allungamenti manuali che si potranno eseguire in maniera semplice e veloce a casa propria e di esercizi che aumenteranno la consapevolezza del movimento muscolare stesso. Molto spesso questo risulta essere sufficiente per ridurre e/o risolvere il dolore sessuale.

 

Letture consigliate:

-raccomandazioni AIO per ostetriche

-linee guida menopausa AOGOI

 Dott.ssa Laura Coda

Dott.ssa Laura Coda

Esperta in rieducazione del pavimento pelvico, vulvodinia, vestibolite e idrocolonterapia.

Post correlati